Teramo: furto al bar 'Miglio Verde', denunciato giovane straniero recidivo

2' di lettura 12/09/2013 - Grazie ad alcuni impianti di videosorveglianza è stato possibile risalire all'autore di un furto verificatosi all'interno dell'esercizio ubicato in viale Bovio nel Capoluogo.

Si tratta di un ventinovenne albanese, disoccupato, in regola con i permessi di soggiorno sul territorio italiano. Il giovane, assieme ad altra persona su cui gli inquirenti stanno svolgendo indagini per l'identificazione, si è reso responsabile del furto avvenuto nella notte dell’8 settembre al bar “Miglio Verde” sito in Viale Bovio di Teramo, dal quale venivano prelevate 30 stecche di sigarette di varie marche, per un valore di 2.500 euro e moneta contant per 1.300 euri crca.

Nel corso delle indagini sono state acquisite le immagini degli impianti di videosorveglianza installati lungo viale Bovio. Attraverso i vari filmati è stato possibile accertare che alle ore 2.00 circa il ragazzo albanese, insieme ad un complice, è entrato nel locale forzando la porta di ingresso ed uscendo poco dopo con la refurtiva.

Nei giorni immediatamente successivi l’indagato è stato rintracciato pur se nel frattempo si era trasferito nella periferia teramana allo scopo di far perdere le proprie tracce.

La perquisizione domiciliare ha permesso di trovare, occultate nella camera da letto dello stesso, numerose stecche di sigarette riconducibili al furto compiuto nel bar Miglio verde.

L’extracomunitario era stato già denunciato dalla Squadra Mobile per due furti aggravati commessi all’interno della sala Slot del bar denominato “Caffè Cerulli “ ubicato lungo l'omonimo corso a Teramo.

Le indagini, a suo tempo avviate dopo le denunce da parte del titolare del locale e supportate dalle immagini del sistema di video sorveglianza installato nella sala, consentivano di accertare che il 2 Luglio e 6 agosto scorsi il giovane straniero, assiduo frequentatore dell’esercizio, forzava con un cacciavite di grosse dimensioni le slot dell'esercizio prelevando l’incasso quantificato in circa 1500 euro.






Questo è un articolo pubblicato il 12-09-2013 alle 13:18 sul giornale del 13 settembre 2013 - 712 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Alfonso Aloisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/REd