Grande partecipazione per Festa di Santa Barbara, Patrona della Marina

2' di lettura 04/12/2013 - Ricordata con grande partecipazione la ricorrenza di Santa Barbara, Patrona della Marina Militare.

La funzione religiosa si è tenuta nella chiesa di San Pietro Apostolo al Lido ed il rito è stato officiato da don Ennio Lucantoni che nell’omelia ha ricordato la figura mistica della martire venuta dall’oriente.

Oltre all’Amministrazione comunale rappresentata dal vice sindaco Gabriele Filipponi, dal presidente del consiglio Nello Di Giacinto e dal gonfalone della città, erano presenti il comandante della compagnia carabinieri di Giulianova capitano Domenico Calore e quello della compagnia carabinieri di Alba Adriatica capitano Raffaele Iacuzio.

Hanno partecipato alla cerimonia anche il comandante della compagnia Guardia di Finanza di Giulianova capitano Marco Toppetti ed i comandanti della Polstrada e Polfer rispettivamente l’ispettore Antonello Giusti ed il sostituto commissario Patrizia Corvaglia.

Presenti le Associazioni d’Arma della Marina Militare di Giulianova e Martinsicuro, l’Associazione Nazionale Carabinieri e quella Aeronautica con le rispettive bandiere e labari. Inoltre, anche una rappresentanza della Croce Rossa Italiana, della Protezione Civile, dell’Ente Porto e del Co.ge.vo.

Nel corso della Santa Messa, per la Guardia Costiera, si sono alternati al leggio il luogotenente Vincenzo Stefania, il primo maresciallo Antonio Fusco ed il capo di 1^ classe Paolo Vantaggiato.

La commovente preghiera del marinaio è stata pronunciata dal sottocapo di 3^ classe Michele Quaranta.

Il comandante Tenente di Vascello Sandro Pezzuto nel suo intervento ha ricordato i due marò Salvatore La Torre e Massimiliano Girone ancora trattenuti in India e le vittime della tragedia avvenuta al porto di Genova.

Poco dopo il tradizionale offertorio con doni alla chiesa da parte della Guardia Costiera e della marineria locale. La festa di Santa Barbara si è quindi trasferita nei locali dell’Ufficio Circondariale marittimo alla presenza del Prefetto Valter Crudo, del Questore Giovanni Febo e del Vice-Prefetto Vicario Pierpaolo Pigliacelli.