Tortoreto: Gruppo Faraone scrive a Chiodi per linee telefoniche guaste

2' di lettura 06/12/2013 - L'azienda è da diversi giorni isolata per via del mancato funzionamento delle linee telefoniche.

Sign. Presidente,
le invio questa lettera per manifestarle quanto di assurdo capita nella nostra zona per i disservizi che quotidianamente subiamo dalle reti di comunicazione.

Siamo al 4° giorno senza telefono, abbiamo avuto una assenza delle linee internet per 3 giorni. Secondo Telecom il tempo limite per riparare le linee e’ di 7 giorni… quindi si tollera di essere isolati dal mondo per 7 giorni ? Come lei sa, per una impresa che vuole internazionalizzarsi, le linee di comunicazione sono indispensabili.

Oggi abbiamo un mercato Italiano che e’ sempre piu’ in caduta libera, cerchiamo, con ingenti somme investite per innovazione e ricerca di nuovi mercati, di trovare fatturati mancanti altorve, cercando di mantenere e magari incrementare la forza lavoro. Ma come possiamo fare se non abbiamo delle linee di comunicazioni decenti?

Consideri che nella nostra zona non esiste la linea ADSL, Telecom dice che siamo collegati ad una vecchia centrale nel territorio di Cavatassi che non sara’ sostituita, ogni volta che vengono due gocce dal cielo, per noi si trasfomano in un incubo, fin a quando di cerente sono scese 4 gocce ed e’ catastrofe. A che serve fare un sito di comemrcio online ?

Come posiamo esistere senza una rete internet affidabile e’ veloce ?Mi rivolgo a lei sign Presidente, che conosce il nostro mondo, sperando che, rendendosi conto della gravita’ della situazione in cui siamo messi, ci dia una mano. Noi chiediamo che venga posta una centrale telefonica tale da poetr avere la lienaADSL, indispensabile oggi per ogni attivita’ di bussiness.Non vorrei essere costretto ad emigrare da questa amata terra.

La ringrazio per l’attenzione e porgo i miei cordiali saluti.

IMA SPA
Piero Farane








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2013 alle 14:39 sul giornale del 07 dicembre 2013 - 617 letture

In questo articolo si parla di attualità, Alfonso Aloisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/VBC