Ordinanza conto la sporcizia: inasprite le multe

1' di lettura 11/12/2013 - Rifiuti. Batosta per gli zozzoni: multe sino a 3 mila euro. Il sindaco: “Inasprimento giusto per combattere le pessime abitudini. Una intera città non deve subire per colpa di qualcuno”.

Con l'ordinanza firmata stamane dal sindaco Francesco Mastromauro relativa all'inasprimento delle sanzioni pecuniarie, si profilano tempi duri per chi non rispetta le norme sul conferimento dei rifiuti.

Oltre alla segnalazione all'Autorità giudiziaria nel caso in cui il fatto costituisca reato, chi abbandona i rifiuti rischia sino a 3 mila euro di multa, destinati a raddoppiare nel caso si tratti di rifiuti pericolosi.

Sale a 500 euro la sanzione per il conferimento errato di rifiuti delle utenze domestiche e non domestiche; stessa cifra per il mancato rispetto degli orari di conferimento delle utenze domestiche e di quelle non domestiche, attualmente dalle ore 20 alle 3.

“L'inasprimento delle sanzioni – dichiara il sindaco – risponde senz'altro alla necessità di reprimere comportamenti incivili e pessime abitudini che creano danno all'ambiente, alla salute ed al decoro della città, e che nei casi più gravi hanno originato vere e proprie discariche abusive".

"Ma oltre all'esigenza repressiva – continua Mastromauro - c'è anche una strategia di prevenzione, giacché si tratta di misure per assicurare la tutela igienico-sanitaria in tutte le fasi della gestione dei rifiuti. Non è giusto che coloro che, con la consapevolezza dell'importanza di rispettare le regole per la civile convivenza e mostrando sensibilità nei confronti dell'ambiente, rispettano le regole, e sono la stragrande maggioranza, debbano subire le azioni incivili e persino arroganti di pochi. Per cui chi verrà individuato da oggi rischia una bella batosta”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-12-2013 alle 14:08 sul giornale del 12 dicembre 2013 - 435 letture

In questo articolo si parla di giulianova, Comune di Giulianova

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/VQr