Teramo: sequestrati oltre 150 mila prodotti di provenienza cinese

1' di lettura 16/12/2013 - Nel corso dell'operazione "Luci sicure" condotta dalla Guardia di Finanza sequestrati oltre 150.000 prodotti di provenienza cinese.

Gli agenti del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Teramo hanno sequestrato all'interno di un’azienda gestita da cittadini di nazionalità cinese oltre 150.000 pezzi tra oggetti elettrici ( pile, lampade a basso consumo e non, luminarie e prodotti per festeggiamenti natalizi) e giocattoli di cui l’esercizio commerciale, con l’approssimarsi delle festività natalizie, aveva provveduto a rifornirsi in grandi quantità.

I prodotti sono stati posti sotto sequestro in quanto privi di requisiti minimali di sicurezza mancando, tra l'altro, della certificazione di conformità “CE” o riportanti l’apposizione del suddetto marchio visibilmente contraffatto.

Nella maggior parte dei casi la merce era priva delle istruzioni e degli accorgimenti di fabbricazione tesi ad evitare incidenti, specie nei casi in cui tali prodotti vengono successivaamente utilizzati all’interno delle mura domestiche e da minori.

Il servizio si è concluso con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di Teramo di un commerciante per il reato di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi, violazione alla normativa sulla sicurezza dei prodotti e frode in commercio.

L’intensificazione dell’attività di servizio, predisposta e coordinata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Teramo, conferma ancora una volta l’attenzione che il Corpo pone sia a tutela della sicurezza dei cittadini, specie considerando che l’attuale momento di congiuntura potrebbe spingere molti all’acquisto di oggettistica a buon mercato, ma sicuramente pericolosa per la sicurezza, in particolare dei minori, e sia dei tanti commercianti che invece operano nella piena legalità con offerta di oggetti sicuri e di qualità.








Questo è un articolo pubblicato il 16-12-2013 alle 11:19 sul giornale del 17 dicembre 2013 - 594 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Alfonso Aloisi, guardia di finanza, teramo, sequestro prodotti cinesi,

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/V6i