Filipponi prepara la candidatura a sindaco parlando ai bambini

3' di lettura 31/12/2013 - E così Gabriele Filipponi parlò ai bambini ed alle famiglie. Non proprio come Gesù nel Discorso della Montagna visto che il vice-sindaco ha fatto sentire la propria voce dall’Auditorium del Centro Socio-Culturale di viale dei Pioppi, poco distante dal mare.

Tra l’altro l’ingresso era non proprio a pagamento, ma con “offerta minima” di 5 euro. Non si è capito bene però se il versamento simbolico era obbligatorio o meno vista la precisazione della quantificazione. Però c'erano premi e cotillon per tutti ed ospiti a sorpresa.

Ma sono dettagli. Durante la serata, quando la sala si stava riempiendo, qualcuno si è preoccupato per l’assenza del sindaco. Allora un rappresentante del Pd (non di Giulianova) lo ha chiamato al cellulare: “Francè, qui ci sono duecento persone e nessuno che rappresenti l’Amministrazione” .

La risposta: “Sono impegnato altrove, però mando subito qualcuno”. Poco dopo è apparso Filipponi che, a dire il vero, non è stato mai un presenzialista. Il cono d’ombra del primo cittadino lo ha spesso (e volentieri diciamo noi) oscurato.

Ma ora le cose stanno per cambiare. Candidatura alla Regione o meno, la questione ‘Giulianova’ legislatura 2014-2019 esiste. Più di una volta qualcuno ha parlato di primarie per la poltrona di sindaco e Filipponi, secondo i suoi supporters, avrebbe le carte il regola per partecipare e misurarsi con altri candidati.

Ecco allora la figura tranquilla e rassicurante del vice-sindaco all’Annunziata tra bimbi e genitori. Pare stia preparando il terreno in assoluto riserbo.

Dunque, non è stato un caso la sua presenza all’Auditorium e dicono che assieme al sindaco stia preparando la strategia elettorale per L’Aquila e corso Garibaldi. Tu dai qualche voto a me e io faccio altrettanto.

Sarebbe questo il patto. Ma iconti sarebbero stati fatti senza l’oste che, nella fattispecie, veste i panni di Roberto Mastrilli. L’ex assessore ai Lavori Pubblici, persona che ha mostrato indubbiamente estremo coraggio salutando tutti e sbattendo la porta mentre ricopriva un incarico in Giunta, sta per varare una squadra d’attacco in vista delle prossime amministrative.

L’associazione ha preso il nome di ‘Gente In Comune’, ma gli ispiratori tengono a precisare che non seguirà le orme di altro raggruppamento similare. Ancora non è dato sapere chi sarà il primo della lista e l’eventuale alleanza, ma è certo che sarà distante dall’attuale maggioranza in municipio.

Si sa che il presidente è un ex Pd ed anche questo potrebbe contribuire alla prevedibile emorragia di consensi per il partito di maggioranza relativa.

Ne vedremo delle belle anche con la discesa in campo del Movimento 5 Stelle pronto a dare battaglia ed il Cittadino Governante che, dicono, pare abbia delle validissime carte da giocare. I giochi sono aperti.

Del resto mancano più o meno cinque mesi allo scontro finale. Sul fronte del centro-destra, a parte qualche timido isolato proclama, non si sa nulla. Ed anche Progresso Giuliese non ha anticipato fino ad ora le proprie mosse e strategie.

Unico dato certo, almeno fino ad ora, è offerto da Linea Retta con la candidatura dell’avvocato Fabrizio Retko, impalmato alla Sala Buozzi dal Governatore dell’Abruzzo, che però ha dichiarato di poter fare senza problemi un passo indietro.








Questo è un articolo pubblicato il 31-12-2013 alle 16:26 sul giornale del 02 gennaio 2014 - 988 letture

In questo articolo si parla di politica, Alfonso Aloisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/WCV