Basket carrozzina Serie A: Amicacci vince contro Campioni d'Italia

2' di lettura 12/01/2014 - Una prestazione eccellente da parte dei giuliesi ha permesso l'affermazione sulla blasonata Unipol Cantù, campione d'Italia e d'Europa, con ottime possibilità di incamerare un altro scudetto a fine stagione.

Gruppo Tercas Amicacci Giulianova: De Maggi, Aubry,Minella, Gemi 2, Marchionni 14, Turlo 20,Seidel, Belaid 9, Hargrow, Macek 13, Miceli, Biondi
All.Claudio De Luca

Unipol Briantea 84 Cantù: Lindblom 3, Edwards7, Bienek 5, Sagar 14, Nicola 2, Molteni, Bell 13, Santorelli 2, JordiRuiz 9, Elhadj , Crespi, Scopelliti.
All.Malik Abes
PERIODI: 6-17,18-13, 13-15, 21-10

Straordinari, i ragazzi di coach De Luca che surclassano ed hanno la meglio sui campioni della categoria. Una gara avvincente, una sfida entusiasmante ed una 'battaglia' sportiva di rara intensità.

Per l'Amicacci una vittoria che fa ben sperare e che rappresenta una grossa iniezione di fiducia per tutto l’ambiente. I ragazzi dell'Amicacci sono stati davvero superlativi!.

In un palazzetto quasi vuoto, ma vivacizzato dallo sparuto clan locale, la squadra abruzzese ha giocato a viso aperto contro i titolati canturini, conquistando una vittoria da infarto come da copione nella pallacanestro che conta.

La gara parte subito con la grande accelerazione del quintetto di coach Malik ( a proposito tantissimi auguri per il neo papà di una bellisima principessa).

I Campioni d’Italia vogliono far capire subito chi comanda e l’accelerazione produce un gap da ko:+11 (6-17). Il Giulianova è stordito dal gioco spumeggiante e veloce dei brianzoli, ma è un lampo, uno stordimento momentaneo.

Coach De Luca sprona e si sgola, la voglia e la determinazione della squadra fa il resto. Marchionni e Turlo suonano la carica ed inizia un’altra gara.

Gli Abruzzesi che recuperano ben 5 punti (18 a 13) e cominciano a lavorare al capolavoro sportivo.Dopo il riposo lungo i canturini cercano di allungare e di riproporre il loro gioco ma il Gruppo Tercas, che nel frattempo concede spazio per amministrare le forze, riesce ad arginare la forza d’urto e si va all’ultimo straordinario quarto tempo dove il grande capolavoro si compie.

Marchionni e Turlo (devastante e onnipresente con i suoi 20 punti e 15 rimbalzi) Macek, Belaid e Gemi firmano un successo emozionante e meritato , tutto dedicato ad un Amicaccio ancora convalescente. La salvezza (e non solo) è sempre più vicina.

Altri risultati:
Santa Lucia Roma-Gradisca:70-37
Padova –Santo Stefano:48-70
Sassari-Porto Torres:57-65






Questo è un articolo pubblicato il 12-01-2014 alle 12:32 sul giornale del 13 gennaio 2014 - 698 letture

In questo articolo si parla di sport, Alfonso Aloisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/WYp