Gianluca Antelli: 'Il cambiamento deve arrivare anche da Colleranesco'

2' di lettura 05/04/2014 - Grande affluenza di cittadini ieri sera 4 aprile 2014 a Colleranesco dove erano impegnati il candidato sindaco Gianluca Antelli ed Andrea Galliè, in corsa per un posto nell’assise civica.

Circa cento le presenze registrate nei locali Nimis ubicati nella frazione di Giulianova.

Il primo intervento è stato dell'organizzatore della serata Andrea Galliè che, in un accorata esposizione ai presenti, ha senza mezzi termini parlato di tradimento da parte dell'amministrazione uscente nei confronti dei cittadini di Colleranesco.

L’importante contributo elettorale del 2009 è stato determinante per l'elezione del Sindaco e vice. Galliè, partendo proprio da tale assunto, ha denunciato “la dimenticanza della importante frazione da parte dell’Amministrazione comunale uscente”.

Aggiungendo che “Colleranesco è quella parte della Città che non può e non deve essere considerata di serie B”.

"Qui c'è la gente che inizia al mattino a fare sacrifici per lavorare e tenere in piedi quelle poche realtà industriali che resistono, ma ricevendo in cambio meno del nulla” ha aggiunto Galliè.

“Basti pensare a come è ridotto l'asfalto nella zona industriale, la pulizia e la manutenzione in genere” ha ricordato lo stesso Andrea Galliè.

Il candidato di Colleranesco ha concluso il suo intervento con un entusiasmante appello al cambiamento della classe politica giuliese:. "Questo è il sentimento che mi ha fatto da subito sottoscrivere la candidatura a sindaco Di Gianluca Antelli" definito "uno di noi, uno che sta tra la gente e che può mettere a disposizione della collettività tutta la sua esperienza maturata in questi cinque anni di consiglio comunale".

A seguire l'intervento del candidato sindaco Gianluca Antelli: "Forte la critica per l'occasione persa di avere a Colleranesco e per Colleranesco un impianto sportivo come lo stadio di via Cupa”

Ancora Antelli: "Si è persa una grande occasione e si è dimostrato che nell'amministrazione comunale uscente è ancora forte la sinistra di partito del No contro la collaborazione con i privati. Si è parlato di giovani, ma qui voi avete avuto la riprova che spesso essere giovani non fa rima con l'essere determinati nel cambiare il corso delle cose. Basti pensare che un vostro consigliere comunale eletto con i voti di Colleranesco in cinque anni si è distinto per non ha mai preso la parola in consiglio comunale".

In conclusione un passaggio sull'onestà: "Il nostro impegno da sottoscrivere con gli elettori sarà quello di non fare facili promesse elettorali, ma di portare in Comune un' amministrazione guidata da gente onesta! Che quando spende un euro di denaro pubblico sa che quel singolo euro è il frutto del sacrificio di cittadini che hanno riposto la loro fiducia in quelle persone".








Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2014 alle 17:06 sul giornale del 06 aprile 2014 - 1132 letture

In questo articolo si parla di politica, Alfonso Aloisi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/16q