Sbarca a Madrid il modello 'Revenue Management Alberghiero'

5' di lettura 10/04/2014 - Sabato 12 aprile 2014 Madrid sarà la capitale spagnola della formazione professionale. Corso di Revenue Management Alberghiero all’ Hotel Confortel Atrium. Attesi oltre 180 manager, imprenditori e dirigenti di strutture ricettive. Organizzazione alla Direzione dell'Hotel Don Juan di Giulianova.

Per il giorno 12 aprile, il Confortel Atrium di Madrid diverrà sede della formazione professionale manageriale alberghiera. Questa location di eccellenza ospiterà il Corso di Revenue Management Alberghiero, che sarà tenuto dal Prof. Franco Grasso, leader in Italia ed all’estero in materia, formatore e consulente di centinaia di strutture ricettive. Ideatore dal 2013 del “Revenue Team Tour”, un circuito di eventi programmati dal Revenue Team del Prof. Grasso, ha toccato molte ed importanti tappe italiane ed estere: il meeting di Madrid rappresenta una delle importanti tappe del Tour 2014.

Tema del corso sarà il Revenue Management Alberghiero inteso come insieme di strategie atte ad incrementare le vendite e massimizzare i profitti, attraverso la gestione di differenti componenti, come segmentazione e previsione della domanda, la formazione dei prezzi, l’analisi dei dati storici e la gestione della capacità, con particolare attenzione verso le tecniche di vendita ed i canali della stessa.

Evento che ha riscosso uno straordinario successo in termini di adesioni, rivolto non solo a manager, imprenditori e direttori di altrettante strutture ricettive spagnoli.

Il Corso di Revenue Management Alberghiero è stato promosso ed organizzato da due professionisti in materia, il Direttore Pablo Ramòn :
“I turisti disabili sono prima di tutto turisti ed è molto importante che anche gli hotel che li ospitano siano piacevoli e di charme”.

Esordisce così Pablo Ramon, giornalista spagnolo e fondatore di Native Hotels, associazione Onlus nata nel novembre 2010 che opera sul web in sei lingue ed è accessibile ad un vastissimo pubblico, utenti disabili inclusi.

Unire hotel di charme al turismo accessibile: è questo l'obiettivo di Native Hotels, associazione spagnola nata nel novembre 2010 che opera su una piattaforma web multilingue accessibile a ogni tipo di pubblico, utenti disabili inclusi.

In Europa ci sono circa 65 milioni di persone disabili, dei quali 4 milioni in Italia, un mercato ancora poco considerato dall'industria turistica - sottolinea il manager -: tra i requisiti da noi richiesti conta non solo l'accessibilità, ma anche la bellezza dell'hotel.

Pagando una quota associativa, che varia a seconda del numero di camere, ogni hotel riceve un kit composto da servizio fotografico, cartelli informativi in braille da utilizzare negli ambienti interni dell'hotel e la messa online sulla piattaforma web multilingue dell'associazione.

L’accesso ai contenuti del sito è universale, senza escludere il pubblico con problemi di vista, uditivi, neurologici, di movimento così come persone che a causa dell’età si vedono limitate nell’utilizzo del pc.

Il sito permette accessibilità universale, anche a coloro che soffrono problemi di vista, uditivi o di movimento -come ad esempio il Parkinson- o neurologici.
L‘invecchiamento della popolazione, inoltre, contribuisce ad aumentare il numero di utenti dei siti accessibili, per la loro perdita di dimestichezza nell’utilizzo del pc.

Grazie a queste caratteristiche un numero sensibilmente maggiore di persone potrà navigare nel sito di NATIVE e scegliere il proprio hotel favorito, ottenere informazioni dettagliate della città o regione in cui si trova lo stabilimento e consultare le attività che offrono l’hotel e la zona -escursionismo, bicicletta…-, inclusi gli itinerari e la attività accessibili (se disponibili), ad esempio spiaggie, volo in pallone aerostatico per sedia a rotelle, immersioni, passeggiate a cavallo, etc…

Attualmente, meno dell’ 1% degli hotel del mondo dispone di un sito accessibile e nessun Club di Qualità ha tenuto in considerazione la popolazione con difficoltà di accesso ad Internet.

E la Sig.ra Brunella Cinquegrana, General Manager del Grand Hotel Don Juan:

“Il desiderio di continuare a formarsi ed informarsi ,” in quanto in questo lavoro non ci si deve mai sentire arrivati, è stata la motivazione maggiore che mi ha spinta ad organizzare questo evento di Revenue. Creare uno staff affiatato, sempre preparato e aggiornato, che si muove come “un sol uomo” è l’impresa più difficile per ogni manager, la formazione è un valido strumento per arrivare a fare ciò; è una cosa che ripeto sempre e spesso in ogni mia intervista e ogni qualvolta mi trovo a parlare del mio lavoro.

Mi lusinga molto che il Prof. Grasso si sia affidato a noi per l’organizzazione di questo corso .
" Per poter svolgere una funzione in termini di leadership occorre essere promotori del cambiamento, le vecchie condizioni non consentono più di coltivare vecchi luoghi comuni”.

Se ciò non accade chiediamoci il perché:

Il turismo è cultura;

Il turismo è organizzazione;

Il turismo è innovazione e rinnovamento

………...” questo è il pensiero che ha persuaso la General Manager BrunellaCinquegrana ad organizzare e promuovere il corso.

Il corso è gratuito. Grazie all'invito accolto dal Prof. Franco Grasso.

La Segreteria Organizzativa rilascerà ai corsisti un attestato di partecipazione.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2014 alle 15:40 sul giornale del 11 aprile 2014 - 656 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2lS