Martinsicuro: ascolano 'pescato' con calamita su veicolo per blocco cronotachigrafo

2' di lettura 19/04/2014 - La Polizia Stradale ha scoperto un altro trucco teso a violare i tempi di riposo dei conducenti. Agenti hanno rinvenuto su un mezzo una calamita utilizzata per bloccare il cronotachigrafo di un veicolo di un'azienda di autotrasporti di Potenza Picena guidato da un sessantinenne di Altidona.

Continua l’attività di controllo della Polizia Stradale di Teramo ai veicoli commerciali con lo scopo di prevenire e perseguire gli illeciti commessi da ditte di autotrasporto in violazione della leale concorrenza tra imprese.

Giovedì scorso, a Martinsicuro, un’autopattuglia del distaccamento di Pineto ha controllato e sanzionato il conducente di una ditta di autotrasporto con sede legale in Potenza Picena (MC).

Lo stesso stava tentando di falsare le risultanze del cronotachigrafo manomettendolo attraverso l’appllicazione di una calamita magnetica posizionata sotto la scatola del cambio in corrispondenza del rilevatore del segnale della velocità, in grado di alterare il dispositivo del cronotachigrafo digitale e falsarne le registrazioni.

In sostanza la calamita era in grado di mettere “in pausa” il tempo di guida del conducente mentre questi in realtà stava guidando.

E’ stato così contestato al conducente, di anni 61, residente ad Altidona (AP), la violazione di cui all’art. 179/9° del Codice della Strada con la sanzione di euro 1682, dieci punti di decurtazione dalla patente, sospensione della patente da 15 gg. a 3 mesi.

Sequestrata la calamita oggetto di alterazione del cronotachigrafo digitale.

La Polizia, in occasione della prossime festività pasquali e dei ponti del 25 aprile e 1° maggio raccomanda massima attenzione alla guida, nel rispetto proprio e degli altri utenti della strada e, soprattutto, dopo i banchetti mettersi alla guida solo se si è evitato di assumere alcoolici.






Questo è un articolo pubblicato il 19-04-2014 alle 13:28 sul giornale del 22 aprile 2014 - 568 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Alfonso Aloisi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2RP