Alba Adriatica: 'Polemica sterile su orario Consiglio Comunale'

1' di lettura 26/04/2014 - Un quotidiano locale riporta oggi sabato 26 aprile 2014 una squallida polemica relativa all’orario di convocazione del consiglio comunale.

Desideriamo illustrare ai cittadini più attenti che la scelta dell’Amministrazione Piccioni – cioè quella di fare svolgere il consiglio in orari più consoni – risponde ad un criterio di sana conduzione della Casa comunale.

Infatti, in tal modo, tutti i dipendenti sono presenti e disponibili a supporto dei consiglieri (di maggioranza e di minoranza), mentre, tenendo il consiglio a partire dalle ore 18, come richiesto dai meno attenti, tutto ciò non sarebbe possibile ed inoltre si spenderebbero risorse economiche per pagare gli straordinari ai dipendenti, le maggiori spese di luce, riscaldamento, ecc..

Del tutto biasimevole risulta la scusa di alcuni che sostengono che sono liberi solamente dopo le ore 18.

Ricordiamo a tutti che quando ci si candida all’amministrazione di una Città come Alba Adriatica, si chiede il voto ai cittadini in cambio di un impegno civico che deve essere prestato per la comunità tutta e non secondo i propri desideri e le proprie esigenze.

Del resto la polemica è ancora più patetica se si pensa che la minoranza si era lamentata del fatto che si tenevano pochi consigli comunali.

Se chi si è proposto alla conduzione della Città non può nemmeno partecipare a 2 consigli in sei mesi, ci si chiede quale contributo fattivo possa dare agli albensi che non sia solo manifestazione di chiacchiere da bar e dilettantismo politico”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-04-2014 alle 16:36 sul giornale del 28 aprile 2014 - 410 letture

In questo articolo si parla di politica, alba adriatica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/28Z