Come approfittare dei contributi regionali per l'internazionalizzazione

06/12/2016 - In attesa dell’uscita del bando per l’area di crisi del Piceno, altre opportunità di finanziamento sono rese disponibili dalla Regione Marche alle imprese locali, grazie a Fondi Europei 2014-2020.

E’ il caso del bando per incentivare l’internazionalizzazione delle PMI in scadenza il prossimo 12 gennaio 2017 con un budget disponibile di circa 2 milioni e mezzo di euro.

Il bando prevede un contributo a fondo perduto del 50% e fino ad un massimo di 15.000 euro ad impresa per incentivare l‘acquisto di  servizi a supporto dei processi di internazionalizzazione quali:

-          consulenza specialistica,

-          partecipazione ad iniziative e missioni economiche,

-          partecipazione a fiere internazionali all’estero,

-          attività di marketing internazionale,

-          registrazione di marchi internazionali,

-          siti web multilingue,

-          etc.

Possono accedere alle agevolazioni le Imprese micro, piccole e medie, in forma singola o raggruppata sotto forma di: a) contratto di rete (con soggettività giuridica) o b) A.T.I. (Associazioni Temporanee di Imprese), nonché i Consorzio per l’internazionalizzazione di cui alla L. 134/2012 costituiti per almeno  4/5 da PMI marchigiane.

Le imprese debbono possedere  i seguenti requisiti:

- avere sede legale o operativa nella Regione Marche;

- essere in regola con i pagamenti e gli adempimenti previdenziali e assicurativi;

- esercitare attività economica ammissibili ai sensi del presente bando: (Classificazione ISTAT ATECO 2007): SEZIONE C:  divisione 10.7 e le divisioni dalla 13 alla 33, SEZIONE D:  divisione 35, SEZIONE E: divisioni dalla 36 alla 39, SEZIONE F:  divisioni dalla 41 alla 43, SEZIONE H: divisioni dalla 49 alla 53, SEZIONE J: divisioni dalla 58 alla 63, SEZIONE M: divisioni dalla 69 alla 75, SEZIONE N:  divisione 79, SEZIONE Q: divisioni dalla 86 alla 88.

Inoltre le imprese che volessero realizzare programmi di internazionalizzazione più complessi possono accedere ai mutui agevolati e/o a tasso zero a valere sul Fondo Centrale di Garanzia del Mediocredito Centrale o erogati dalla Simest SpA (Società italiana per le imprese all'estero) fino ad Euro 2,5 milioni ad impresa.

La Fideas Srl di Offida è a disposizione delle imprese interessate: Tel. 0736/880843, E-mail: fideas@topnet.it.

 





Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 06-12-2016 alle 12:54 sul giornale del 07 dicembre 2016 - 745 letture

In questo articolo si parla di economia, pubbliredazionale, giuliano bartolomei, fideas srl

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aEn8

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere Impresa