Mini Master Europrogettazione: prepariamoci con ' Il diritto dell’Unione europea'

07/01/2017 - Nel precedente appuntamento della nostra rubrica, abbiamo analizzato ed evidenziato l’importanza di “conoscere l’Unione europea” e, nello specifico, quanto sia importante conoscere la storia del processo di integrazione ai fini della progettazione europea. Questo secondo articolo sviluppa l’importanza della conoscenza del “Diritto dell’Unione europea”.

Questo secondo articolo sviluppa  l’importanza della conoscenza del “Diritto dell’Unione europea”.
 
Si  riparte con le fonti del  diritto dell’Unione europea, già introdotte nel precedente articolo, ovvero  i Trattati, definiti fonti di diritto primario dell’Unione
 europea.
  
 
I Trattati regolano  le modalità con le quali  devono essere prese le decisioni, descrivono i poteri delle Istituzioni e delimitano  i campi entro  i quali si svolge
 l’azione comune degli Stati dell’UE.
 
Perché è così  importante conoscere il diritto dell’Unione europea?
  
 Immaginate di scrivere un progetto europeo e, quindi, di voler cercare una call (bando), comprendere quali sono gli obiettivi, quali sono  i soggetti che
  possono partecipare, qual’ è  il budget a disposizione,
  quali  sono i documenti ufficiali che hanno dato stimolo alla nascita di quel Programma e quali sono ulteriori approfondimenti correlati alla tematica
  trattata dal Programma.
 

Il diritto europeo, ossia regolamenti, direttive, pareri, ecc. contiene  tutte queste informazioni.
 
Quali sono le fonti del diritto dell’Unione europea da conoscere?
 
Il diritto dell’Unione europea  si compone di fonti nominate di diritto primario, fonti di diritto derivato e fonti di diritto complementare.
   
 Per un europrogettista, le più  importanti da conoscere sono quelle di diritto primario e derivato. Le fonti del diritto derivato dell’Unione  europea,
  infatti, contengono al loro interno tutto ciò che disciplina e  regolamenta  i bandi  a cui si vuole partecipare.
 

Qualsiasi bando europeo, nazionale e regionale è infatti definito o quantomeno influenzato (un esempio per i bandi nazionali e regionali è Regolamento De Minimis) da una o più fonti del diritto derivato dell’Unione europea.
 

Infine, è proprio grazie alle fonti del diritto derivato che possiamo comprendere se e chi può partecipare al bando, quali sono le dotazioni finanziarie ma,
soprattutto, comprendere quali sono gli obiettivi e quindi a quali politiche europee risponde quello specifico bando e poter prendere spunto dai documenti
 ufficiali proprio per sviluppare il proprio progetto.
 
Compresa l’importanza  del diritto UE, il prossimo step è conoscere quali sono le Politiche che danno origine ai finanziamenti europei.
 

Nel prossimo appuntamento approfondiremo la tematica del ' Conoscere le Politiche dell’Unione europea', argomento trattato nel Mini Master Europrogettazione
  che si terrà dal 24 al 27 gennaio, presso  la sede di SMARTEM in via Pasubio, 77 a San Benedetto del Tronto.
 

Il corso approfondirà queste tematiche con esempi pratici ed esercitazioni.
 
Per informazioni sul Mini Master Europrogettazione visita  la pagina SMARTEAM:
  
 http://www.smarteam.net/mini-­‐master-­‐europrogettazione/
 


da Fideas Srl e Smarteam - startup innovativa




Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 07-01-2017 alle 09:04 sul giornale del 09 gennaio 2017 - 532 letture

In questo articolo si parla di economia, pubbliredazionale, fondi europei regione marche, programmazione europea regione marche, provincia di ascoli piceno programmazione europea

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFfH

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere Impresa