SEI IN > VIVERE GIULIANOVA > ATTUALITA'
articolo

Parco Annunziata - Continuano i lavori di riqualificazione

2' di lettura
1154

Quasi ultimati i lavori del primo lotto del progetto, redatto dall'architetto Alessandro Tursi, relativo alla riqualificazione del Parco dell'Annunziata. Posizionati i camminamenti interni, con lastre in calcestruzzo, collocate le panchine in cemento dal design moderno. l'ideforma a di un parco più fruibile, realizzato con impegno di spesa, tutto sommato,ePrende contnuto.

Inizia a prendere forma l'idea di un parco più fruibile, realizzato con un impegno di spesa sostanzialmente contnuto.Eliminate anche parte delle recinzioni del centro polifunzionale, sostituite da una semplice rete metallica, guadagnando nuovo spazio al verde pubblico.

I lavori sono ancora in itinere (mancano la zona giochi per bambini, l'impianto di illuminazione, i cestini per i rifiuti, ed altro) ed è ancora difficile farsi un'idea complessiva dell'intervento che, comunque, ha il pregio di arricchire un'area verde molto amata dai residenti del quartiere.

Posizionati anche cartelli che indicano l'obbligo di condurre i cani al guinzaglio e raccogliere le deiezioni canine, obbligo che, purtroppo, non tutti rispettano, visti gli animali a quattro zampe liberi per il parco e i numerosi "ricordini" abbandonati tra l'erba e sui marciapiedi.

Tanti anche i rifiuti lasciati vicino alle panchine, probabile segno di bivacchi notturni (bottiglie, cartacce, ecc.), a causa della solita inciviltà di qualche cittadino e della scarsità degli appositi cestini.

E' stata anche ricollegata la pista ciclabile del lungomare con il ponte in legno ciclopedonale sul Tordino, installando la segnaletica che individua il percorso come facente parte della più ampia Ciclovia Adriatica (che dovrebbe collegare, una volta completata, Ravenna a Lecce).

Peccato che il vecchio tratto di pista semicrollato sia in totale abbandono (si potrebbe, almeno, recuperare il lampioni rimasti e tagliare l'erba che invade la pista lasciata al proprio destino) e che il tratto di collegamento con il ponte sia infestato da vegetazione spontanea e rifiuti.
Anche le condizioni del ponte in legno non sono delle migliori con molte assi prossime al cedimento (con grave pericolo per chi vi transitasse) ed i corrimano rovinati in più punti.
Inoltre qualche albero del parco avrebbe bisogno di interventi, come un pino ormai secco, e pericolosamente inclinato o alcuni nuovi arberelli piegati, probabilmente, dai mezzi meccanici che stanno effettuando i lavori.
In ogni modo un'importante area verde della città sta cambiando aspetto e si spera che i successivi lotti del progetto, che prevedono il recupero dell'ex depuratore (dal quale, tra l'altro, arrivano ancora miasmi poco piacevoli) e delle aree, attualmente asfaltate, fronte mare, vengano appaltati e realizzati al più presto per far si che l'Annunziata abbia, finalmente, un vero parco urbano degno di questo nome.

ARGOMENTI

di Raffaele Di Marcello
Giulianova




Questo è un articolo pubblicato il 06-09-2013 alle 10:56 sul giornale del 07 settembre 2013 - 1154 letture