SEI IN > VIVERE GIULIANOVA > CRONACA
articolo

Roseto degli Abruzzi: voleva incendiare il Comune, arrestato

2' di lettura
857

carabinieri
I carabinieri della stazione di Roseto degli Abruzzi hanno evitato che le intenzioni di un quarantasettenne si tramutassero in tragica realtà. Infatti, nella tarda mattinata di ieri 13 settembre 2013 i militari hanno arrestato l'uomo in fragranza di reato con l’accusa di tentato incendio

A.D.V., disocupato del luogo, da diversi mesi senza lavoro, aveva inoltrato al Comune domanda per l'assegnazione di un alloggio dove poter vivere con la convivente in stato interessante.

L'Ente, in attesa di trovare una adeguata sistemazione, ha sostenuto le spese per far alloggiare A.D.V. in una pensione nelle vicinanze di Roseto.

Le attenzioni degli amministratori non sono state sufficiebti o ritenute adeguate. Infatti, nella tarda mattinata di ieri, il quarantasettenne si è recato presso un distributore di carburante del posto con una bottiglia per riempirla di benzina.

Nella circostanza, in preda alla disperazione, lo stesso ha esternato a voce alta il proposito di incendiare il palazzo comunale. Le parole pesanti sono state udite da alcuni clienti presenti in quel momento non hanno esitando ad avvisare i carabinieri che in pochi minuti hanno letteralmente presidiato la zona antistante il palazzo comunale.

Poco dopo è sopraggiunto l’uomo, del quale erano state fornite le caratteristiche somatiche e l'abbigliemento, che camminava con andatura tranquilla come se nulla fosse accingendosi ad entrare in comune.

Lo stesso è stato immediatamente perquisito e trovato in possesso della bottiglia colma di benzina che è stata sottoposta a sequestro.

Alle prime contestazioni mossegli, A.D.V. ha dichiarato si di vivere una situazione di difficoltà, ma che non aveva intenzione di fare nulla di male. I militari intervenuti hanno operato con molta professionalità senza far comprendere alle persone presenti, sia il motivo del fermo sia le intenzioni dell’uomo, in modo da non creare allarmismi inutili.

Per precauzione il quarantasettenne è stato dichiarato in arresto e trattenuto nella camera di sicurezza dei carabinieri di Roseto in attesa dell’udienza di convalida fissata per la mattinata odierna.



carabinieri

Questo è un articolo pubblicato il 14-09-2013 alle 11:04 sul giornale del 16 settembre 2013 - 857 letture