Teramo: La commemorazione di Nassiriya

2' di lettura 12/11/2021 - Il sindaco Gianguido D’Alberto e il comandante provinciale dei Carabinieri, Ten. Col. Emanuele Pipola, hanno deposto una corona floreale ai piedi del monumento ai Caduti di Nassiriya, nei giardini di piazza Garibaldi.

La commemorazione, che si è svolta in osservanza delle disposizioni antipandemia, si è tenuta in occasione del 18° anniversario dell’attentato del 2003 alla base italiana in Iraq, il quale causò la morte di 28 persone: 19 italiani ((12 Carabinieri, 5 militari dell’Esercito e 2 civili) e 9 civili iracheni.

Nel suo messaggio il Sindaco D’Alberto ha, tra l’altro affermato: “Dinanzi a questo monumento, bellissima opera scultorea così piena di suggestione, significati e rimandi ideali e simbolici, Teramo e noi tutti ci ritroviamo per evocare di nuovo i sentimenti della riconoscenza e della memoria.

A Nassiriya fu compiuto un sacrificio per la pace e la democrazia, portando con sé dolore ed orgoglio, gli stessi sentimenti che, in questo tempo proviamo a causa della pandemia che ci ha insegnato come il dolore, la sofferenza, hanno generato orgoglio e determinazione nel trovare le cure mediche per arginare la diffusione del virus. (…) Il sacrificio degli uomini di Nassiriya, compresi i tantissimi feriti che portano ancora i segni di quell’attentato, rimane espressione del valore delle nostre forze armate, in particolare dei Carabinieri, ed attesta come la speranza di un mondo migliore che si impegni a garantire i diritti umani, sia non una lontana aspirazione, ma una ambizione cui tanti nostri giovani ancora prestano fede, con abnegazione, coraggio e partecipazione”.

Infine, il Sindaco ha sottolineato come: “Dalla nostra comunità teramana, giunge il grazie ai caduti di Nassirya, grazie per la loro voce, troncata da un vile gesto, ma ancora forte, decisa, ineliminabile, per la Pace sempre, ovunque, contro ogni terrorismo ed ogni guerra”.

Il Tenente Colonnello Emanuele Pipola ha quindi ricordato la forte ondata di emozione che fu suscitata dall’attentato e le attestazioni di solidarietà che giunsero direttamente nelle caserme dei Carabinieri in ogni parte d’Italia. Il Comandante provinciale dei Carabinieri, ha ringraziato l’amministrazione comunale, e implicitamente la città di Teramo, per la sensibilità e la gratitudine che continua a manifestare nei confronti dell’Arma e ha rimarcato il profondo significato del sacrificio dei giovani di Nassiriya, sottolineando che, essi hanno compiuto fino in fondo il loro dovere, proiettando fuori dal nostro Paese i valori che sostanziano la nostra democrazia e sacrificandosi per essi.

Alla cerimonia hanno partecipato l’arista che realizzò il monumento, Fausto Cheng e il Maresciallo Maggiore in congedo Pietro Piccioni, Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Teramo.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-11-2021 alle 16:02 sul giornale del 13 novembre 2021 - 106 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, teramo, comune di teramo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ctLf





logoEV
logoEV